DOCCIA IN CAMERA

Comfort e funzionalità a portata di mano: ecco cosa può offrirti una doccia in camera. Ma anche stile e design, a seconda dei tuoi gusti e delle tue esigenze.

Estetica e praticità

In una camera ultramoderna e di design è possibile progettare una doccia, o meglio, un box doccia, a vista, che stia all’interno della camera, separato da essa grazie al box esterno. Si tratta di una soluzione particolare, accattivante e innovativa per alcuni, ma d’altronde presenta degli innegabili svantaggi legati all’umidità proveniente dal vapore, che può rovinare il mobilio e le pareti della stanza. La soluzione migliore e alla portata di tutti e invece quella di ricavare uno spazio, separato con un muro dalla camera anche se creato al suo interno, dentro al quale realizzare la tua doccia in camera, che sarà così priva degli inconvenienti citati sopra.

Dimensioni ridotte ma funzionalità elevata

Un angolo doccia in camera è facilmente ricavabile anche se la tua camera non è molto grande, perché esiste una vasta gamma di box doccia di dimensioni e forme differenti: angolari (quelli che occupano meno spazio di tutti), rotondi, quadrati o rettangolari, coordinati con piatti doccia più o meno inclinati per uno scorrimento adeguato dell’acqua. I box doccia in commercio sono realizzati in materiali leggeri o ultraleggeri, a soffietto o a scorrimento, con profilature sottili, in grado quindi di adattarsi anche a docce davvero essenziali.

Piatti doccia senza scarico

Indubbiamente preferibile, se il problema è lo spazio, alla più ingombrante vasca da bagno, la doccia in camera può essere collegata a tubazioni raccordate a quelle del bagno principale, per evitare di doverne creare di nuove, ma qualora ciò sia irrealizzabile, basterà scegliere un piatto doccia ultra sottile con pompa di scarico esterna o integrata, come quelli della linea Sanitrit, ad esempio, in grado di smaltire l’acqua di scarico senza bisogno di intervenire in fase di installazione con grossi lavori di muratura.

Scritto da